Figlie Sagge di Angela Carter

giugno 06, 2016

Buonasera cari lettori,
questa sera vi parlo di un libro che ho letto per la Casa Editrice Fazi Editore, sto parlando di Figlie Sagge di Angela Carter.
Un libro particolare e, purtroppo, devo ammettere di aver fatto un po' fatica a leggere ma forse non è proprio lo stile che leggo più di frequente.
Ma vediamolo nel dettaglio!



Figlie Sagge

Autore: Angela Carter
Editore: Fazi Editore
Pagine: 336
Data di pubblicazione: 26 maggio 2016











Trama:

È il 23 aprile – data di nascita di Shakespeare – e le gemelle Dora e Nora, attrici e ballerine di seconda categoria, si apprestano a festeggiare i loro settantacinque anni. Suonano alla porta: su un cartoncino bianco arriva l’invito alla festa del padre, il celebre attore Melchior Hazard, che nello stesso giorno di anni ne compie cento, e che di riconoscerle non ne ha mai voluto sapere. C’è da decidere cosa indossare!
Così si apre Figlie sagge, la storia di due donne libere ed eternamente giovani che, nate nel lato sbagliato della città, quello più misero, sono sempre state attratte dal bagliore del mondo dello spettacolo. Dall'infanzia anticonvenzionale, alla strampalata carriera, fino ai vibranti settant'anni, la vita delle due gemelle è un susseguirsi di episodi grotteschi: fra identità scambiate, fidanzati presi in prestito, spettacoli improvvisati e feste che culminano in incendi, quello di Dora e Nora è un mondo dove le regole non sono ammesse e la spregiudicatezza regna sovrana. Un mondo popolato di personaggi improbabili, con l’ingombrante presenza di una bizzarra famiglia allargata: una compagine di teatranti dalle alterne fortune, in cui le coppie di gemelli si moltiplicano in maniera inestricabile e spesso incestuosa. Un romanzo dalle mille sfaccettature: un libro intriso di grande letteratura, di amore per l’arte e di un senso dell’umorismo pungente, un’ardita provocazione contro il tabù sessuale e la distinzione fra legittimo e illegittimo, ma soprattutto un inno alla spensieratezza, al piacere, alla gioia di vivere.

Recensione:

Questo è un libro un po' particolare, parla di due gemelle - Nora e Dora - attrici e ballerine ma rimaste sempre sull'orlo della mediocrità contemplando il mondo dello spettacolo e la fama che hanno sempre visto da lontano ammirando il loro padre biologico - Melchior Hazard - che di riconoscerle come figlie sue non ne ha mai voluto sapere infatti sono sempre state mostrate al mondo come figlie del gemello del padre - Perigrine Hazard.
In questo romanzo ricorre molto la divisione in due, due gemelle, il padre e lo zio sono gemelli, loro sono nate nella parte 'sbagliata' della città quella più povera e che le ha forse limitate nel raggiungimento della fama tanto agognata.
La storia si apre con il ricevimento dell'invito alla festa di compleanno del padre - che ne compie 100 - e devono decidere che cosa indossare e da lì parte la spiegazione e il racconto delle loro avventure che le hanno portate fino a lì, al loro settantacinquesimo compleanno che coincide con quello del padre e con la data di nascita di Shakespeare!
E' un libro che forse può essere interpretato come un pezzo teatrale per via di tutti i riferimenti alle battute e alle opere di Shakespeare e a come ogni personaggio è intrecciato con l'altro - e questo forse rende un po' complessa la comprensione totale del libro.

Per quanto mi riguarda l'ho trovato un po' difficile da leggere, ma tutto sommato è un libro carino. Lo consiglio soprattutto a chi apprezza un senso dell'umorismo un po' pungente e che sappia districarsi in più descrizioni contemporaneamente.


Le luci si spensero, da sotto il sipario brillò qualcosa. L’ho amato allora e lo avrei amato sempre più di tutti gli altri quel momento, quando le luci si spengono, il palcoscenico si accende e sai che sta per compiersi un prodigio. Non importa se poi quello che segue rovina tutto; l’anticipazione è sempre pura. (Figlie Sagge - Angela Carter)


I miei giudizi:

STORIA: ★★★/5
STILE: ★★★/5
COPERTINA: ★★★/5

Voto finale:
★★★/5
Alla prossima,
Erika. 

You Might Also Like

0 commenti