sabato 17 dicembre 2016

Una maschera sul cuore di Simona Busto

Cari lettori, eccomi qui con una nuova recensione!
Adesso vi parlerò di un libro che ho letto grazie alla collaborazione con BlogAndTheCity di cui sono recensore accanita! Nel giro di un mese ben 4 libri!! Non per vantarmi ma, uniti a tutte le altre letture in corso e il resto da gestire nel blog mi sembra di essere abbastanza bravina, che dite?
Bando alla ciance però! Vediamo al dunque!
Adesso vi parlo di.................. Una maschera sul cuore di Simona Busto!!

Autrice: Simona Busto  
Pagine: 288
Genere: Romanzo rosa
Prezzo Cartaceo: euro 11.02
Prezzo eBook: euro 2.99

Sinossi:

Christian Lobianco è un giovane attore italo-americano che sta vedendo la propria carriera giungere a un prematuro tracollo. Per ovviare al problema accetta un ruolo impegnativo e drammatico, che potrebbe portarlo di nuovo sotto le luci della ribalta. Per spingerlo a entrare nel ruolo di un giovane operaio in tempo di crisi, il suo agente lo obbliga a recarsi a Milano, dove è meno facilmente riconoscibile, e rimboccarsi davvero le maniche nel reparto produttivo di una fabbrica.
Eva Castelli ha solo vent'anni, ma la vita l’ha già obbligata ad abbandonare qualsiasi sogno. Le resta una sola passione, quella per il canto, coltivata con fatica e sacrificio.
Entrambi indossano una maschera che cela sentimenti e aspirazioni. La passione che li infiamma sin dal primo sguardo minaccia di ridurre in cenere i travestimenti che li proteggono.
Vale la pena scoprire il vero aspetto delle loro anime? Quando la maschera sarà svanita in una nuvola di fumo, scopriranno di potersi amare e o resteranno delusi dalle reciproche fragilità?
Nel grigio freddo della Milano invernale, due ragazzi impareranno a scoprirsi.





Eva ha una passione, la musica. Christian è un attore. Due passioni molto grandi e molto forti, radicate dentro di loro. S'incontrano per caso, nell'azienda in cui lei lavora e in cui lui si trova a lavorare per caso perché sì, Christian è a Milano per imparare al meglio una nuova parte che dovrà interpretare nel suo prossimo film: un operaio con tutte le difficoltà che una vita simile concerne. Eva lo conosce come Christian Tommasi ma il suo vero nome è Christian Lobianco, indossa una “maschera”, si nasconde cercando di immedesimarsi appieno nella vita di un altro ma Christian Lobianco resta incatenato nel suo essere, sempre. Molte cose e molte persone metteranno a dura prova la relazione tra Eva e Christian, uno tra i tanti, Federico – un vecchio amico d'infanzia di Eva – che fa di tutto per proteggerla ma, forse, anche troppo perché guidato da un forte sentimento per Eva non ricambiato e questo lo spinge ad agire in una maniera che defineri subdola, e poi c'è Bernice la fidanzata di Christian Lobianco (fate molta attenzione a questa distinzione di cognome) che farà di tutto per dividerli. Ma accanto ad Eva c'è anche chi ha saputo aiutarla in ogni situazione, Bree la sua più grande amica con cui condivide la sua grande passione. E poi c'è Gabi un bambino che Eva sente come suo o, forse, lo è davvero? Ve lo lascio scoprire tra le pagine di questo romanzo che fa riflettere ed emozionare, una storia come tante ma unica nel suo genere, una storia che può essere quella di ognuno di noi e forse, per questo, così vivida nel mio cuore.

Una maschera sul cuore. Chi non ne ha mai posseduta una, o tutt'ora la possiede? Cerchiamo sempre di proteggerci per paura di soffrire ma così facendo quante cose ci neghiamo? Quante possibilità di essere felici mandiamo a monte? Soffrire è normale quasi, forse, più di respirare e dell'esigenza di nutrirci, fa parte della vita che ci piaccia oppure no. Tentiamo invano di nascondere sentimenti troppo potenti ma che poi immancabilmente vengono a galla, è inutile provare a ingannare noi stessi, non durerà mai a lungo. La vita è una sola e bisogna imparare a coglierla appieno in tutte le sue sfumature, prima che sia troppo tardi. E' questo che ci insegna Eva, la protagonista di questa storia, ci dimostra quanto sia impossibile negare per sempre l'evidenza di ciò che sentiamo nonostante le precedenti sofferenze abbiamo lasciato un solco enorme dentro il nostro cuore. Ma possiamo impedire davvero e, soprattutto, coscientemente che la felicità giunga a noi solo perché in passato siamo stati feriti e abbiamo vissuto esperienze non troppo gioiose? No, io credo, così come Eva, che le esperienze delle vita servano solo a renderci quello che siamo oggi, ci rendono persone migliori, persone capaci di cogliere le sfumature delle personalità degli altri, di capire il dolore e saperlo cullare sulla via della guarigione. Eva e Christian mi hanno trasmesso questo, mi hanno aiutata a capire che si fanno un sacco di errori nella vita, si agisce pensando di fare la scelta giusta ma immancabilmente si ferisce un'altra persona anche se non era nelle nostre intenzioni, anche se abbiamo agito pensando di proteggerla! 

I miei giudizi:

STORIA: ★★★★★/5
STILE: ★★★★/5
COPERTINA: ★★★★★/5

Voto finale:
★★★★ e mezzo /5